Cinema a luce solida (1968)

Cinema a luce solida , 1968, è un proiettore realizzato in plastica e neon. Una invenzione congeniale a le “Lampadine con i raggi solidificati” dei futuristi Depero e Balla.

L’artista materializza il concetto di proiezione, dando un corpo solido alla luce.
Questa convinzione parte dall’idea che tutte le componenti dell’esistenza siano reali, compreso il pensiero. La fisicità della proiezione è qualcosa che introduce plasticamente il successivo svolgimento dell’opera nella riflessione cinematica su lo Schermo e le Proiezioni. È la metafora di un sistema reale del rapporto tra mente e mondo, tra memoria delle cose e loro riconoscibilità ed evoluzione.(Dora Aceto)
 
Data e luogo di esposizione
 
1968 – Mana Art Market, Roma
Il cinema a luce solida ,Galleria de Niebourg, Milano
1976 – Galleria Toselli, Milano
–  Galleria La Steccata, Parma
1987 – Sogno Italiano, Collezione Franchetti, Castello di Genazzano, Roma, a cura di Achille Bonito Oliva
1994 – Retrospettiva Fabio Mauri. Opere e Azioni 1954-1994, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma, a cura di Carolyn Christov Bakargiev, sovrintendenza di Augusta Monferini
1999 – Il popolo della notte illumina l’arte delle città, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma
2010 – Attraverso le collezioni II  ‘Quadro scultura –scultura quadro’, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma
2016 – Fabio Mauri Retrospettiva a luce solida, Museo MADRE, Napoli, a cura di Laura Cherubini e Andrea Viliani
 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione sul nostro sito. Continuando ad utilizzare questo sito ne accetti l'utilizzo. (ulteriori informazioni).

Ok